Papa Francesco: a Corte dei Conti, “importante ruolo nella lotta incessante alla corruzione”. Amministratori pubblici operino “con trasparenza e onestà”

(Foto Vatican Media/SIR)

“L’importante ruolo che la Magistratura contabile riveste per la collettività, in particolare nella lotta incessante alla corruzione”. È quello evidenziato dal Papa nel corso dell’udienza ai funzionari della Corte dei Conti. La corruzione, infatti, è “una delle piaghe più laceranti del tessuto sociale, perché lo danneggia pesantemente sia sul piano etico che su quello economico: con l’illusione di guadagni rapidi e facili, in realtà impoverisce tutti, togliendo fiducia, trasparenza e affidabilità all’intero sistema. La corruzione avvilisce la dignità dell’individuo e frantuma tutti gli ideali buoni e belli”. Per questo, “la società nel suo insieme è chiamata a impegnarsi concretamente per contrastare il cancro della corruzione nelle sue varie forme” e “la Corte dei Conti, nell’esercizio dei controlli sulla gestione e sulle attività delle pubbliche amministrazioni, rappresenta un valido strumento per prevenire e colpire l’illegalità e gli abusi”. Da parte loro, ha proseguito il Papa, “i singoli amministratori pubblici devono avvertire sempre più la responsabilità di operare con trasparenza e onestà, favorendo così il rapporto di fiducia tra il cittadino e le istituzioni, il cui scollamento è una delle manifestazioni più gravi della crisi della democrazia”. I beni comuni, infatti, “costituiscono risorse che vanno tutelate a vantaggio di tutti, specialmente dei più poveri, e di fronte a un loro utilizzo irresponsabile lo Stato è chiamato a svolgere una indispensabile funzione di vigilanza, debitamente sanzionando i comportamenti illeciti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa