Clima: Msac, “non scendiamo in piazza, promuoviamo assemblee pubbliche e buone pratiche quotidiane”

Il Movimento studenti di Azione cattolica interviene con un comunicato in occasione del Global Climate Strike For Future, in programma oggi in molti Paesi del mondo. “Riteniamo fondamentale informarci, sensibilizzare e agire affinché la questione ambientale occupi un posto centrale nell’agenda politica del nostro e di tutti gli altri Paesi – scrivono gli studenti di Ac –. Ne abbiamo discusso alla Scuola di formazione studenti di pochi giorni fa insieme al fisico Roberto Battiston e in quattro laboratori tematici che hanno spaziato dal cambiamento climatico alla questione energetica, dai reati ambientali all’inquinamento”. Rispetto alla modalità di manifestazione dello sciopero, il Msac precisa: “Non scenderemo in piazza durante l’orario scolastico, come già ribadito in occasione di altri scioperi o manifestazioni studentesche. La scuola è un nostro diritto e dovere ed è dai banchi di scuola che vogliamo cambiare il mondo”. “Vogliamo organizzare assemblee, momenti di dibattito e confronto, attività e laboratori a scuola nelle ore di lezione e anche al pomeriggio in luoghi pubblici”. Ispirato dall’enciclica di Papa Francesco “Laudato si’”, il Movimento chiede “un impegno concreto che miri a modificare le nostre attività quotidiane in un’ottica di maggiore sostenibilità” come “utilizzare il trasporto pubblico, promuovere anche nelle aule la raccolta differenziata”. E conclude: “Dobbiamo metterci in gioco, rinunciare a qualche abitudine consolidata, porci domande e cercare soluzioni con spirito critico”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia