Papa in Marocco: a Rabat apre una mostra sulla presenza cristiana nel regno

In vista della visita di Papa Francesco in Marocco il 30 e 31 marzo prossimo, gli Archivi del Marocco inaugurano il 20 marzo prossimo (fino al 30 marzo), a Rabat, una mostra intitolata “Presenza cristiana in Marocco: vivere insieme”. Organizzata in collaborazione con il Consiglio della comunità marocchina all’estero (Ccme) è l’occasione di “offrire una retrospettiva su capitoli poco conosciuti di una storia condivisa, improntata a forti valori di pace e convivenza”, si legge in una nota dei promotori. “Il Marocco – proseguono – è stato per molto tempo considerato un modello esemplare di convivenza e vita comune tra musulmani e fedeli di altre religioni, in particolare ebrei e cristiani”, anche perché alcuni “sultani marocchini hanno conferito loro uno statuto che garantiva tutti i diritti legati alla vita spirituale, sociale ed economica”. L’esposizione – che presenta documenti, foto, oggetti e dahir (decreti reali) – risale nel tempo fino all’epoca degli Almohadi. Vi sono corrispondenze di diversi sultani marocchini, tra cui Moulay Ismail, Sidi Mohammed Ben Abdallah (Mohammed III), Moulay Slimane, fino all’attuale re Mohammed VI, che è stato in Vaticano nel 2000. La visita di Papa Francesco giunge a 34 anni di distanza dal viaggio di Giovanni Paolo II, nel 1985.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa