Vescovi Triveneto: concluso convegno su “Il bene possibile” e Amoris laetitia. Don Fumagalli (teologo), “l’ideale pieno del matrimonio è irrinunciabile per la Chiesa”

“La gioia del Vangelo ha indotto Papa Francesco a promuovere una nuova uscita missionaria della Chiesa e a incamminare questa uscita sulla via della famiglia. I Sinodi e ‘Amoris laetitia’ ne danno testimonianza”: con queste parole don Aristide Fumagalli, docente di teologia alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale e autore di diverse pubblicazioni, ha iniziato il suo intervento al convegno “Il bene possibile” organizzato domenica 10 marzo dalla Commissione per la famiglia e la vita della Conferenza episcopale Triveneto presso l’Istituto S. Zeno di Verona. Lo riferisce un comunicato stampa diffuso oggi, spiegando che la giornata di studio – relazioni e laboratori – era rivolta a operatori di pastorale familiare, collaboratori nei vari ambiti della pastorale, sacerdoti e consacrati e consacrate e ha rappresentato uno speciale momento di confronto, condivisione e preghiera, sperimentando e vivendo la comunione tra le Chiese del Triveneto. “Come il faro di un porto che orienta la rotta dei naviganti, specialmente nella tempesta, l’ideale pieno del matrimonio è irrinunciabile per la Chiesa, che mancherebbe di fedeltà al Vangelo qualora proponesse con tiepidezza, qualsiasi forma di relativismo o un eccessivo rispetto”. Tra gli interventi, quello di di Arianna Prevedello che ha offerto un’interessante lettura di quanto esposto da Fumagalli attraverso il linguaggio cinematografico. Momento culminante l’Eucaristia presieduta da mons. Giuseppe Zenti, vescovo di Verona e presidente della Commissione triveneta della pastorale della famiglia e vita, che – durante l’omelia – ha ribadito come solo nutrendosi della Parola di Dio il bene sia davvero possibile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa