Rosario Livatino: mons. Delpini (Milano), i cinque passi per “la via alla santità del giudice”

(Milano) “Anche i giudici possono essere santi”, ma per farlo è richiesto loro di percorrere “un cammino fatto di discesa agli inferi e di successiva ascesa alla Gloria”. A dirlo è stato l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, intervenuto questo pomeriggio, all’Università Cattolica di Milano, al convegno dedicato alla figura del servo di Dio, Rosario Livatino, ucciso in Sicilia nel settembre 1990. “Quale potrebbe essere il percorso di santità di un giudice?”, si è chiesto l’arcivescovo, proponendo ai magistrati presenti un cammino che, come tutti i cammini di santità cristiana, si muove in una dinamica che richiede di “morire prima di poter risorgere”. Mons. Delpini ha proposto cinque passi di discesa agli inferi che, nella professione del magistrato, iniziano con “la soffocante quantità di lavoro che incombe sui giudici”, proseguono con “lo smarrimento tra la complessità e a volte addirittura la contraddittorietà della produzione legislativa” e con “lo sconcerto di fronte alla litigiosità delle persone” per arrivare allo “spavento per il male e la crudeltà che conquista il cuore umano”, fino a soffrire, come ultimo passo, dello “scarto che si avverte tra la funzione rieducativa della pena e la necessaria riparazione del male compiuto”. A fare da contraltare a questi passi ci sono “almeno altre cinque caratteristiche di elevazione verso la santità”.
“La prima – ha affermato mons. Delpini – è la capacità del giudice di riconoscere la persona, la sua dignità e non solo il delitto”. Il secondo passo è rappresentato dalla capacità di “perseguire il principio della coerenza e non del successo”. “Il giudice – ha detto l’arcivescovo – non cerca l’applauso del pubblico e l’approvazione degli organi di stampa. Non agisce per successo ma per coerenza”. Il giudice inoltre non persegue “interessi di parte” (3° passo), “mette al primo posto i diritti dei più deboli e non l’arroganza dei potenti” (4° passo). Infine, il magistrato santo “non persegue l’utopia, la rivoluzione, ma la giustizia possibile, il realismo. Fa onestamente il suo servizio percependo la distanza tra giustizia (con la ‘g’ minuscola) e la Giustizia che soltanto in un altro mondo è possibile realizzare” (5° passo). “Mi sembra – ha concluso mons. Delpini – che seguendo la vicenda del giudice Livatino si possa incoraggiare chi tra i magistrati cristiani desidera questa vocazione alla santità. Anche voi potete diventare santi!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa