Reddito di cittadinanza: Anci, “bene accoglimento dei nostri emendamenti, ora siano inseriti nel testo definitivo”

“Esprimiamo soddisfazione per l’impegno confermato dal Governo a presentare alla Camera e al Senato gli emendamenti Anci al decreto sul reddito di cittadinanza. Si tratta di modifiche significative che migliorano il testo e agevolano il lavoro dei Comuni. Attendiamo ora che queste proposte vengano inserite nel testo definitivo”. Così il vicepresidente vicario Anci e sindaco di Valdengo, Roberto Pella, e il vicepresidente Anci e sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, al termine della Conferenza unificata straordinaria di oggi, convocata per esprimere un parere sul reddito di cittadinanza.
“I nostri emendamenti – dichiarano Pella e Nogarin – riguardano in particolare il coinvolgimento su temi fondamentali della misura, quali i controlli anagrafici, i progetti di pubblica utilità, la concertazione interististuzionale e l’ampliamento dei costi finanziabili con le risorse del Fondo povertà”. “Siamo nella direzione giusta – rimarcano i vicepresidenti Anci – e sembra superato il carico eccessivo che inizialmente era demandato alle nostre anagrafi”. “Apprezziamo anche – aggiungono – l’accoglimento da parte del Governo di una ulteriore proposta Anci volta a favorire una maggiore uniformità di trattamento dei cittadini nella valutazione dei bisogni da parte dei Centri per l’impiego e nell’eventuale rinvio ai Comuni. Proposta i cui criteri saranno definiti e condivisi in sede di Unificata”. “Aspettiamo ora la presentazione degli emendamenti – concludono Pella e Nogarin – dall’accoglimento dei quali dipende il nostro parere favorevole alla misura”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa