Schianto aereo Etiopia: mons. Fragnelli (Trapani), “Tusa uomo dall’amabile cordialità e lungimiranza”

“Pochi sono stati gli incontri personali miei con Sebastiano Tusa – ricordo a Marettimo in occasione della rievocazione della battaglia delle Egadi e ad Erice con le clarisse in vista del loro trasferimento – ma tutti incisi nel mio cuore per la sua amabile cordialità e lungimiranza”. A parlare è il vescovo di Trapani, mons. Pietro Maria Fragnelli, che lunedì prossimo 18 marzo, alle 9.30, nella chiesa del Collegio dei gesuiti di Trapani presiederà una celebrazione eucaristica in suffragio di Sebastiano Tusa, morto ieri nel disastro della Ethiopian Airlines. Il noto archeologo siciliano, che era anche assessore regionale ai beni culturali, è una delle otto vittime italiane dello schianto aereo che ha causato la morte di 157 persone. La celebrazione eucaristica risponde al desiderio manifestato dai colleghi di Tusa alla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Trapani e del Museo Pepoli, da diverse associazioni del territorio e da quanti, con gratitudine, hanno conosciuto e apprezzato la persona e l’impegno professionale che Tusa ha dedicato al territorio trapanese, che amava particolarmente.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia