Notizie Sir del giorno: Giustizia e Pace su elezioni europee, schianto aereo Etiopia, Mattarella su migrazioni, libro Amirante, Venezuela, Giornata vittime terrorismo, diocesi Alba

Elezioni europee: Giustizia e Pace, “adeguare l’Europa al bene comune”. Da lotta contro disparità regionali a normativa esportazioni armi

Una politica regionale dell’Ue per combattere le ineguaglianze territoriali; cura dell’ambiente e lotta agli inaccettabili livelli degli sprechi alimentari; stop alle esportazioni di armi nelle aree di guerra e conflitto armato e rispetto dei diritti umani con strumenti giuridici vincolanti a livello internazionale per le multinazionali. Sono le quattro “priorità” di intervento su cui il futuro Parlamento europeo è chiamato a lavorare. A indicarle è “Giustizia e Pace Europa” (organismo che riunisce a Bruxelles le diverse Commissioni nazionali), in un documento dal titolo “Adeguare l’Europa al bene comune” che è stato pubblicato in vista delle elezioni europee che si terranno dal 23 al 26 maggio. (clicca qui)

Schianto aereo Etiopia: il cordoglio del Papa per le vittime, il dolore del mondo della cultura e della cooperazione

“Appreso con profonda tristezza dell’incidente aereo dell’Ethiopian Airlines”, Papa Francesco “offre preghiere per le vittime di vari Paesi e raccomanda le loro anime alla misericordia dell’Onnipotente”. È quanto si legge nel telegramma di cordoglio per le vittime dell’incidente aereo avvenuto ieri in Etiopia, inviato a nome del Papa dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin. “Per noi tutti è una triste giornata per la scomparsa dei 157 passeggeri del disastro aereo avvenuto ieri, tra i quali i nostri otto nostri connazionali. Un particolare pensiero va ai volontari di Africa Tremila, alle due funzionarie del World Food Programme e all’amico Paolo Dieci con il quale, per anni, abbiamo condiviso percorsi ed esperienze di solidarietà e cooperazione internazionale”. Così Gianfranco Cattai e Nino Santomartino, rispettivamente presidente e vicepresidente di Focsiv, in una nota congiunta nella quale esprimono il cordoglio della Federazione e delle 86 organizzazioni aderenti per il tragico incidente, nel quale ha peso la vita anche il noto archeologo siciliano Sebastiano Tusa: “È scomparso un grande uomo che con il recupero delle memorie del passato ha costruito ponti tra persone, culture e fedi diverse, dando un contributo assai significativo alla pace e al progresso dei popoli”, ha sottolineato mons. Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo. (clicca qui)

Migrazioni: Mattarella, “morti di giovanissimi annegati nel Mediterraneo interrogano fortemente la nostra coscienza”

La morte di migranti nel Mediterraneo, specialmente quelle di ragazzi giovanissimi, “interroga fortemente la nostra coscienza”. Lo ha affermato questa mattina il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019 dell’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale nel 40° anniversario di fondazione dell’Ateneo. (clicca qui)

Libri: esce domani “La guarigione del cuore” di Chiara Amirante. “Principale piaga del disagio giovanile è la solitudine”

“Credevo che le principali piaghe del disagio giovanile fossero le droghe, l’alcool, le polidipendenze, ma presto ho scoperto che il male più diffuso che accomuna un numero sempre crescente di persone è la solitudine. Un cuore ferito in profondità che prima si difende, poi si indurisce, fino in certi casi a scegliere, per ragione di sopravvivenza, di diventare di ‘pietra’”. Lo scrive Chiara Amirante nell’introduzione del suo ultimo libro “La guarigione del cuore” (ed. Piemme), anticipato al Sir, in libreria da domani. Un libro che racconta gli incontri della fondatrice della comunità Nuovi Orizzonti con “volti segnati dalle sferzate della vita, cuori impietriti da colpi troppo dolorosi e profondi per non lasciare cicatrici indelebili”. (clicca qui)

Venezuela: ancora al buio dopo oltre tre giorni, situazione grave negli ospedali. Oggi Guaidó chiede lo stato d’emergenza

Un Paese, già quasi allo stremo, quasi ininterrottamente al buio da giovedì sera. Senza acqua, luce, gas, telefono, comunicazioni, per circa ottanta ore, con pochissime interruzioni (una decina di ore in tutto nella capitale). Arrivano in modo estremamente frammentario le notizie dal Venezuela. L’interruzione dei sevizi elettrici colpisce un sistema sanitario già al collasso, le stime più allarmistiche e al momento non verificabili parlano di centinaia di vittime negli ospedali e nelle cliniche. Fonti Sir vicine alla Conferenza episcopale venezuelana confermano l’estrema difficoltà nell’avere numeri certi, in questo momento, ma non si escludono gli scenari drammatici. “La mancanza di luce – spiegano – non permette il funzionamento delle pompe di benzina, mancano alimenti in molti luoghi, si sono già deteriorati tanti cibi che hanno bisogno di essere conservati in frigorifero”. (clicca qui)

Giornata vittime del terrorismo: Jourova (Ue), “meritano protezione, sostegno e rispetto”

(Bruxelles) “Le vittime del crimine meritano protezione, sostegno e rispetto. Questo rapporto conferma la necessità di assicurare che i diritti delle vittime”, tutelati sul piano giuridico, “siano correttamente applicati nella pratica”. Lo afferma Vera Jourová, commissario Ue alla giustizia, in occasione della quindicesima Giornata europea della memoria per le vittime del terrorismo. Oggi la Commissione europea ha accolto un rapporto sul “Rafforzamento dei diritti delle vittime: dal risarcimento al risarcimento”, scritto da Joëlle Milquet, consigliere speciale del presidente Juncker sull’argomento. Le opinioni espresse nella relazione sono personali, specifica la Commissione, e non riflettono necessariamente la posizione dell’esecutivo. Ma a Bruxelles tale rapporto è accolto con estremo interesse. (clicca qui)

Diocesi: Alba, siglato un protocollo con “Proteggere insieme” per la tutela dei beni artistici

Con un protocollo firmato l’otto marzo dal vescovo di Alba, mons. Marco Brunetti, e da Roberto Cerrato, è stato stipulato un accordo tra la diocesi di Alba e l’associazione di volontariato “Proteggere insieme” al fine di tutelare e salvaguardare il patrimonio culturale religioso della diocesi stessa. Le attività, in forma totalmente gratuita, fornite da “Proteggere insieme” prevedono, spiega una nota della diocesi, “monitoraggio e schedatura del patrimonio; ricognizione sullo stato di conservazione dello stesso; collaborazione nello spostamento di beni e archivi; interventi di messa in sicurezza; partecipazione a bandi per la valorizzazione del patrimonio”. L’accordo ha la durata di cinque anni ed è rinnovabile. (clicca qui)

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia