This content is available in English

Regno Unito: Flame 2019, 8mila giovani cattolici attesi a Wembley per pregare, cantare, dialogare

Sono oltre 8mila i giovani attesi domani, 2 marzo, all’Arena di Wembley per “Flame2019” (fiamma), la convention che ogni due anni si tiene per i giovani cattolici inglesi. L’evento è organizzato dalla Federazione per la pastorale giovanile (Cymfed), rete che riunisce diocesi, movimenti, associazioni che lavorano con i giovani. Arte, musica, parole, preghiera si alternano nel programma del “più grande evento per i giovani cattolici in Inghilterra e Galles”. Il tema: “Significativo” (“Significance”). “Siamo in un mondo in cui è facile sentirsi costretti a misurare l’autostima con i ‘like’ di Twitter e Instagram, le risposte agli aggiornamenti di stato di Facebook e le conversazioni di Snapchat”, dicono gli organizzatori. “Speriamo che Flame2019 offra una nuova prospettiva ai giovani, centrata sul loro essere creati a immagine e somiglianza di Dio”. Si comincia con una grande opera d’arte allestita dai partecipanti, musica e poi la liturgia di apertura. Il tema verrà introdotto con un video di Jean Vanier e da alcune testimonianze, come quella di Emma Borquaie, che con il suo blog ‘Girl got Faith’ scrive di “fede, bellezza e lifestyle” ed è sposata con il rapper cristiano Guvna B che canterà all’evento. Al pomeriggio l’arcivescovo irlandese Eamon Martin racconterà ai giovani l’esperienza del Sinodo dello scorso ottobre. Poi musica, riflessioni, preghiera e la conclusione con una celebrazione guidata dal card. Vincent Nichols.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo