Disarmo: Di Stefano (sottosegret. Esteri), “abbiamo dimezzato le esportazioni di armamenti”

“Nel 2018, il totale dell’esportazione italiana di armamenti è pari a 5,2 miliardi con una riduzione del 54% rispetto all’anno precedente: abbiamo cioè dimezzato le esportazioni”. Ad affermarlo è stato Manlio Di Stefano, sottosegretario del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, che questa mattina ha preso parte al Convegno “Produzione e commercio di armamenti: le nostre responsabilità”, promosso al Palazzo dei Gruppi Parlamentari da diverse associazioni e organizzazioni impegnate per il disarmo e la pace.
“Riguardo al caso particolare dell’Arabia Saudita, siamo passati dai 52 milioni spesi nel 2017 ai 13,3 milioni del 2018”, ha aggiunto Di Stefano ricordando che “la Rwm di Domusnovas, nel 2018, non ha beneficiato di alcune autorizzazione da parte dell’Unita’ per le autorizzazioni dei materiali d’armamento per l’esportazione di bombe d’aereo e altro verso l’Arabia Saudita”. Per Di Stefano, “è sbagliato pensare che si possa risolvere il problema dello Yemen interrompendo le esportazioni italiane verso l’Arabia Saudita”, mentre invece servirebbero “moratorie europee”. “Anche se l’Italia portasse a zero la sua esportazione, i francesi, i britannici e i tedeschi esporterebbero in quota maggiore senza dunque avere una soluzione al problema”, ha spiegato il sottosegretario agli Esteri che ha annunciato che a breve sarà discussa in Parlamento la proposta di modifica della Legge 185 che prevede tra l’altro “l’istituzione di un fondo per progetti di riconversione, l’ampliamento dei casi in cui l’esportazione è vietata, evitare la triangolazione della vendita di armamenti, creare una lista di Paesi verso i quali è sconsigliabile vendere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo