Unione europea: medicinali falsificati, in vigore nuove norme per migliorare la sicurezza dei pazienti

(Bruxelles) “Il 9 febbraio raggiungeremo un altro importante traguardo per la sicurezza dei pazienti in tutta l’Ue. A quasi 7 anni dall’adozione, l’attuazione della direttiva sui medicinali falsificati sarà completata grazie all’introduzione della verifica a monte e a valle e delle caratteristiche di sicurezza sulle confezioni dei medicinali soggetti a prescrizione”. Parole di Vytenis Andriukaitis, commissario responsabile per la salute, che specifica: “In altre parole, ogni farmacia e ospedale dell’Ue dovrà dotarsi di un sistema che renderà più facile ed efficiente l’individuazione dei medicinali falsificati. Anche se, dopo il lancio del nuovo sistema, sarà necessario impegnarsi ulteriormente per garantirne il funzionamento corretto in tutta l’Unione, sono certo che offriamo ai cittadini un’ulteriore rete di sicurezza per proteggerli dai pericoli derivanti dai medicinali non autorizzati, inefficaci o pericolosi”. In sostanza, d’ora in poi l’industria “dovrà apporre alle confezioni dei medicinali soggetti a prescrizione un codice a barre bidimensionale e un dispositivo anti-manomissione”. Le farmacie (comprese quelle online) e gli ospedali dovranno “verificare l’autenticità dei medicinali prima di dispensarli ai pazienti”. Si tratta della fase finale di attuazione della direttiva sui medicinali falsificati, adottata nel 2011.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo