This content is available in English

Ue: Retinopera, vogliamo “un’Europa dei popoli, dei cittadini, della società civile”

foto SIR/Marco Calvarese

Sei auspici per l’Europa e altrettante raccomandazioni all’Italia. Procede su un doppio binario parallelo e speculare il documento I 6 punti dell’Europa che vogliamo”, presentato oggi a Roma da Retinopera, in vista delle elezioni europee del 26 maggio, presso l’Ufficio in Italia del Parlamento europeo alla presenza di uno dei vicepresidenti, David Sassoli; di Beatrice Covassi, capo rappresentanza in Italia della Commissione europea; di Gianfranco Cattai, coordinatore di Retinopera, e di alcuni rappresentanti delle diverse realtà. Il documento è frutto di un percorso che le organizzazioni della rete hanno portato avanti in questi ultimi mesi, sottoscrivendo un testo condiviso in vista delle elezioni europee del prossimo 26 maggio. Diverse realtà del network sostengono infatti la campagna istituzionale stavoltavoto.eu lanciata per informare i cittadini e promuovere la partecipazione al voto.  “Auspichiamo una conduzione più democratica delle Istituzioni europee”, un’Europa della centralità dei popoli, dei cittadini, della società civile”, un’Europa “della dignità e della libertà nella quale la cittadinanza europea si eserciti responsabilmente nei luoghi di partecipazione, dibattito e conoscenza”, un’Europa del “rispetto dei diritti umani e sociali”, si legge al primo punto. La corrispondente raccomandazione “a noi stessi e alla società italiana” è di promuovere partecipazione, corretta informazione, valorizzazione dei corpi intermedi e dello spirito di sussidiarietà a tutti i livelli, a cominciare dal ruolo della famiglia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo