Ilaria Alpi: richiesta archiviazione dell’inchiesta omicidio. Gritta Gariner (ass. Alpi), “scelta grave contro la verità”

“Una scelta grave, confermata dalle dichiarazioni grossolane dell’avvocato Taormina”. Lo dichiara Mariangela Gritta Gariner, già presidente dell’associazione Ilaria Alpi, a proposito della richiesta della procura di Roma dell’archiviazione dell’inchiesta sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. “Si è trattato di un duplice omicidio volontario premeditato, accuratamente organizzato con largo impiego di uomini ed eseguito con freddezza, ferocia e professionalità omicida”, afferma Gritta Gariner. Che poi sostiene come “i motivi per delinquere dei mandanti ed esecutori sono stati, come dimostrato, di natura ignobile e criminale, essendo stato il duplice omicidio perpetrato al fine di occultare attività illecite”, sottolinea l’ex presidente dell’associazione dedicata alla cronista. Il suo timore è che ci sia stato un depistaggio, che “potrebbe aver accompagnato l’inchiesta fin dall’inizio e forse essere ancora in atto”. “Mandanti ed esecutori sono ancora impuniti. Un innocente è stato in carcere per 17 anni; Luciana e Giorgio Alpi sono morti senza avere verità”. “Questa richiesta di archiviazione – conclude Gritta Gariner – è un ennesimo insulto alla giustizia, alla verità e alla dignità delle istituzioni preposte”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo