Honduras: vescovi, “difendere diritti dei migranti e rafforzare questa attenzione pastorale in ogni diocesi”

Riuniti in questi giorni a Tegucigalpa, i vescovi della Conferenza episcopale honduregna (Ceh) hanno diffuso un comunicato in occasione della festa della Vergine di Suyapa, patrona dell’Honduras, affrontando, alla luce delle parole dette da Papa Francesco ai vescovi centroamericani durante la recente visita al Panama, vari temi di attualità ecclesiale e sociale, tra i quali la situazione dei migranti e delle loro vite “ferite e minacciate”. Si legge nella nota: “Abbiamo rinnovato l’impegno che tutte le diocesi diano risposta alle necessità delle famiglie che si vedono costrette a emigrare, sia per la povertà, o per mancanza di lavoro o per le minacce alle loro vite. E’ nostra responsabilità difendere i diritti umani dei migranti, assistere nel modo migliori i migranti che tornano nel nostro paese e appoggiare tutte le iniziative che accolgano, integrino, promuovano e difendano la vita di tutti i migranti”. La Ceh si impegna a rafforzare la pastorale dei migranti in ogni diocesi. I vescovi, che sottolineano la massiccia e gioiosa partecipazione dei giovani alla recente Giornata mondiale della gioventù, si impegnano nel messaggio a “stare molto vicini” proprio alle nuove generazioni, soprattutto nei problemi che impediscono loro “di sviluppare le loro immense capacità. E ci addolora la situazione di giovani che cadono in situazioni che possono distruggere le loro vite e il loro futuro”. Prosegue la nota: “Esortiamo tutte le parrocchie di ciascuna diocesi a lanciare con audacia la campagna di evangelizzazione che ha come tema ‘Insieme ai giovani portiamo il vangelo della vita’. Speriamo che tutto il popolo di Dio si impegni ad appoggiare le iniziative che nasceranno da questa iniziativa”, nella prospettiva di un “grande rinnovamento della pastorale giovanile”. Ancora, la Ceh esprime la sua preoccupazione per la criminalità, soprattutto se rivolta contro le donne, dato il preoccupante aumento di femminicidi; sul profondo livello di corruzione; sulla situazione politica del Paese, nel momento in cui il Congresso ha iniziato a dibattere su importanti e attese riforme, come quella del Supremo tribunale elettorale e del registro anagrafico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo