Diocesi: Albano, la beatitudine della misericordia al centro del percorso di preghiera per laici venerdì al monastero delle Clarisse

“Beati i misericordiosi” è il titolo del quinto appuntamento del percorso “Chiamati alla santità”, che le suore clarisse del monastero Immacolata Concezione di Albano promuovono per i giovani e gli adulti della diocesi, insieme al direttore del Seminario e del centro diocesano per le vocazioni, don Alessandro Mancini. Venerdì 8 febbraio alle 21 la beatitudine della misericordia sarà al centro di una lectio divina, che come ogni mese sarà scandita da alcuni momenti fondamentali legati all’ascolto della Parola: “Alla luce del Signore Gesù – spiegano le Clarisse – ci specchieremo nelle Beatitudini evangeliche, carta d’identità del cristiano. In esse si delinea il volto del Maestro, che siamo chiamati a far trasparire nella quotidianità della nostra vita”. Dopo la riflessione sul brano evangelico a cura di don Mancini, le sorelle clarisse contestualizzano il messaggio della Scrittura attraverso la presentazione della figura di un santo, che aiuta i partecipanti a comprendere come il mandato della santità sia un’esperienza possibile nel quotidiano di ogni persona. Nel presentare l’iniziativa, le clarisse riprendono poi l’esortazione apostolica “Gaudete et exsultate”, in cui Papa Francesco scrive che Gesù “ci vuole santi e non si aspetta che ci accontentiamo di un’esistenza mediocre, annacquata, inconsistente. Il mio obiettivo è far risuonare ancora una volta la chiamata alla santità, cercando di incarnarla nel contesto attuale, con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo