Demografia: Istat, gli italiani diminuiscono e invecchiano. 60 milioni 391mila i residenti ad inizio 2019, oltre 90mila in meno in un anno. Stranieri all’8,7%

Prosegue la diminuzione della popolazione residente nel nostro Paese, fenomeno riscontrato per il quarto anno consecutivo. Al 1° gennaio 2019 risiedevano in Italia 60 milioni 391mila persone, oltre 90mila in meno sull’anno precedente (-1,5 per mille). La popolazione di cittadinanza italiana è scesa a 55 milioni 157mila unità (-3,3 per mille) mentre sono aumentati i cittadini stranieri residenti: ora sono 5 milioni 234mila (+17,4 per mille) e rappresentano l’8,7% della popolazione totale. Sono le stime dell’Istat che ha diffuso oggi gli “Indicatori demografici” per l’anno 2018.
Nel 2018 si conteggiano 449mila nascite, ossia 9mila in meno del precedente minimo registrato nel 2017. Rispetto al 2008 risultano 128mila nati in meno. I decessi sono 636mila, 13mila in meno del 2017. In rapporto al numero di residenti, nel 2018 sono deceduti 10,5 individui ogni mille abitanti, contro i 10,7 del 2017.
Il saldo naturale nel 2018 è negativo (-187mila), risultando il secondo livello più basso nella storia dopo quello del 2017 (-191mila). Prosegue la crescita, in termini assoluti e relativi, della popolazione anziana. Al 1° gennaio 2019 gli over 65enni sono 13,8 milioni (rappresentano il 22,8% della popolazione totale), i giovani fino a 14 anni sono circa 8 milioni (13,2%), gli individui in età attiva sono 38,6 milioni (64%).
Il numero medio di figli per donna (1,32) risulta invariato rispetto all’anno precedente. L’età media al parto continua a crescere, toccando per la prima volta la soglia dei 32 anni.
Nel 2018 si registra un nuovo aumento della speranza di vita alla nascita. Per gli uomini la stima è di 80,8 anni (+0,2 sul 2017) mentre per le donne è di 85,2 anni (+0,3). A 65 anni di età la speranza di vita residua è di 19,3 anni per gli uomini (+0,3 sul 2017) e di 22,4 anni per le donne (+0,2).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa