Como-Lugano: collaborazione lungo il confine. Bernasconi (Caritas Como), “impegni diversi ma principi comuni”

“È importante il confronto e il dialogo tra le nostre due Chiese per ribadire che il cammino di sequela a Cristo prevarica i confini che l’uomo nella sua storia si è dato. Il compito di una comunità cristiana è quello di incarnare e di vivere nel proprio contesto principi che sono comuni”. Lo dice Roberto Bernasconi, direttore della Caritas di Como a proposito del progetto di collaborazione tra la diocesi comasca e quella di Lugano, che invitano a partecipare, domenica 24 febbraio, a Como, al pomeriggio di approfondimento dedicato al volontariato dal titolo “La solidarietà attraversa i confini – Storie di volontariato fra Como e Ticino”, presentato da “il Settimanale” della diocesi di Como. “Caritas Tirino e Caritas Como hanno una matrice comune che è quella di aiutare le nostre Chiese diocesane a vivere la virtù della Carità – spiega Bernasconi -. Vivono però il loro impegno in modi differenti perché sono legate alla storia, anche amministrativa, del territorio”. È così che, a suo avviso, “Caritas Ticino da noi può essere aiutata a recuperare la dimensione pastorale della carità. Caritas Como deve essere aiutata a prendere coscienza che deve superare la cultura della supplenza, per impegnarsi di più in progetti che aiutino le persone a crescere e a rendersi autosufficienti”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa