Warning: Redis::connect(): connect() failed: Connection refused in /var/www/html/wordpress/wp-content/plugins/wp-redis/object-cache.php on line 1105
Consiglio superiore sanità: nominati i 30 membri non di diritto. Tra loro Bruno Dallapiccola e Giovanni Scambia | AgenSIR

Consiglio superiore sanità: nominati i 30 membri non di diritto. Tra loro Bruno Dallapiccola e Giovanni Scambia

“La squadra è finalmente pronta e sono molto orgogliosa e felice di presentarla a tutti. Abbiamo scelto il top assoluto per esclusivi meriti scientifici e in trasparenza. Il merito dev’essere finalmente la bussola che orienta le nomine in questo Paese”. Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, commenta la firma del decreto di nomina dei 30 membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità (Css). Tra loro anche Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, e Giovanni Scambia, direttore scientifico Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs.
“La selezione, laboriosa e meticolosa – ha aggiunto Grillo –, ha privilegiato personalità di chiara fama, inseriti tra i ‘Top Italian Scientists’ con alta reputazione internazionale sulla base dei contributi scientifici pubblicati, del numero di citazioni e dell’impatto che questi lavori hanno avuto nel progresso clinico-scientifico mondiale. Orientamento politico, religioso, derive personali non rientrano in questi sistemi di valutazione”. Dopo l’insediamento dei 30 membri, il Css deciderà il nuovo presidente che sarà, specifica il ministro,  “un nome condiviso, di prestigio e che interpreterà pienamente l’alto mandato scientifico del Consiglio”. Il ministero della Salute ha molti progetti in corso d’opera e molte sfide da affrontare con l’obiettivo di rilanciare e valorizzare pienamente la ricerca scientifica del nostro Paese e il Css giocherà un ruolo attivo nella consulenza per le decisioni strategiche. “Sono stati reclutati scienziati italiani di fama mondiale nell’ambito delle neuroscienze, dei trapianti di cellule staminali, dello studio di malattie rare. Esperti di scienze omiche (in particolare genomica e proteomica) immunologi e virologi, tra i quali un membro della Commissione Nobel”, conclude Grillo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia