Sanità: Lusi (Nas), condotto un “focus su verifica della legittimità delle professioni e corretta erogazione delle prestazioni”

Nel contesto operativo relativo al mondo della sanità pubblica e privata, “un focus è stato riservato alla verifica delle legittimità delle professioni sanitarie ed alla corretta erogazione delle prestazioni da parte delle figure sanitarie rappresentate da medici e dentisti, farmacisti, infermieri e altre professioni sanitarie e socio-assistenziali”, ha detto il generale Adelmo Lusi del Nucleo antisofisticazione (Nas) dei Carabinieri questa mattina in occasione del bilancio delle attività.
“Nel 2018 sono stati eseguiti 3.195 accertamenti di tipo ispettivo ed investigativo, determinando l’esecuzione di 25 arresti di figure gravitanti nel settore sanitario e farmaceutico nonché il deferimento all’Autorità giudiziaria di ulteriori 1.429 persone per reati contro la Pubblica amministrazione”. Tra le indagini portate a conclusione, il generale dei Nas ha citato l’esecuzione, tra marzo e ottobre, di 123 decreti di perquisizione emessi dall’Autorità giudiziaria nell’ambito dell’indagine dei militari di Latina a carico di altrettanti soggetti operanti negli ambienti della formazione professionale, responsabili di aver prodotto ed utilizzato falsi attestati per l’ottenimento della qualifica di Operatore sociosanitario (Oss). Un’altra operazione è stata svolta a Milano, lo scorso giugno, che ha condotto a 14 misure cautelari detentive per reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale e ricettazione di farmaci successivamente inviati all’estero.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo