Diocesi: Agrigento, il 22 febbraio riapre la cattedrale dopo 8 anni di chiusura

La cattedrale di Agrigento, chiusa dal 2011 per rischio di crolli, riaprirà al culto il 22 febbraio, tre giorni prima della festa patronale di san Gerlando. A darne l’annuncio don Giuseppe Pontillo, direttore dell’Ufficio beni culturali ed ecclesiastici della Curia di Agrigento e parroco della cattedrale. “La riapertura della cattedrale – spiega don Pontillo – oltre ad avere un valore per la collettività dei fedeli potrà avere delle importanti ricadute turistiche. In questi otto anni le celebrazioni diocesane presiedute dall’arcivescovo sono state celebrate in diverse chiese, facendo perdere alla comunità il punto di riferimento più importante, la cattedrale quale segno di unità del popolo di Dio radunata attorno al suo vescovo. La comunità civile – prosegue don Pontillo – ha vissuto la chiusura della cattedrale come una separazione poiché non ha avuto più un punto di riferimento cittadino. Il mondo della culturale si è visto privare di un tesoro architettonico unico nei suoi diversi stili che narrano diverse epoche e dello spazio come luogo d’incontro. La parte economica della città e del territorio, specialmente quella legata al turismo, ha subito un duro colpo con la chiusura, nonostante lo sforzo della diocesi di mantenere alcune parti fruibili per le visite”. Il 22 febbraio dunque, nel corso della settimana per i festeggiamenti in onore di San Gerlando, patrono della città di Agrigento e della diocesi, la Cattedrale torna fruibile con la sua millenaria storia pronta ad accogliere fedeli e turisti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo