Colombia: iniziata a Cúcuta la tappa dell’iniziativa Celam “Huellas de Ternura”

È iniziata ieri a Cúcuta, ideale punto di contatto tra Venezuela e Colombia, la tappa colombiana della camminata continentale Huellas de Ternura (“Tracce di tenerezza”): l’iniziativa propone di sensibilizzare tutto il continente latinoamericano, Paese per Paese, sul rispetto dell’infanzia. Il principale soggetto promotore dell’iniziativa è il Celam, attraverso il proprio Dipartimento giustizia e solidarietà (Dejusol), che ha dato vita al programma “Centralidad de la Niñez”, insieme alla “Pastoral da criança internacional” della Conferenza episcopale brasiliana e World Visión América Latina. All’iniziativa hanno aderito anche la Caritas latinoamericana, il Dipartimento di vita, famiglia e gioventù del Celam, l’Associazione latinoamericana di educazione radiofonica (Aler), l’organismo “Sembradores de Paz” e Infancia Misionera Colombia, la federazione internazionale Fe y Alegría, le Pontificie opere missionarie. Alla tappa colombiana hanno aderito ulteriori realtà locali. “Huellas del Ternura” si fermerà in Colombia fino al 20 febbraio e toccherà le città di Cúcuta, Bucaramanga, Bogotá, Cali, Ipiales, Medellín, Cartagena, Barranquilla e Riohacha. Le attività della prima giornata, con la nutrizionista della Caritas venezuelana, Susana Raffalli, hanno coinvolto bambini venezuelani, numerosi nella città frontaliera, e colombiani. Va ricordato che la Colombia è uno dei Paesi con il più alto indice di violenza contro i minori. Secondo i dati forniti dall’Istituto colombiano de bienestar familiar (Icbf), nei primi tre mesi del 2018 si sono svolti 5.870 processi a causa di vari tipi di violenza, il che equivale a più di 65 casi al giorno. Si tratta di numeri in aumento rispetto al 2017. Secondo i dati forniti da Save the Children, la Colombia occupa il terzo posto al mondo nella triste classifica del tasso di omicidi infantili, mediamente con un’uccisione ogni otto ore.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo