Sinodo Amazzonia: vescovi tedeschi in vista in Ecuador, “avrà un grande significato anche per la Germania”

“La protezione della casa comune in Amazzonia è una questione di sopravvivenza per il mondo intero. Il Sinodo amazzonico avrà quindi anche un grande significato per la Germania”, ha detto il vescovo Reinhard Hauke, responsabile di Adveniat, la struttura dei vescovi tedeschi che sostiene numerose iniziative di solidarietà in America latina. “Non è in gioco solo la questione ambientale, ma anche la protezione di oltre 400 popoli indigeni che vi abitano” alcuni dei quali la delegazione di vescovi ha incontrato nel viaggio in Ecuador appena compiuto. A Quito c’è stato l’incontro con i responsabili del Repam, la Rete ecclesiale Pan-amazzonica che si impegna per i diritti delle popolazioni indigene. Un altro tema del viaggio è stata la situazione dei rifugiati dal Venezuela: sarebbero più di mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Ecuador. Numerose le istituzioni e gli ordini religiosi che se ne prendono cura e che ricevono sostegno da Adveniat. I vescovi sono stati anche a Esmeraldas, epicentro di un forte terremoto nel 2017. “Il lavoro della Chiesa è particolarmente importante quando si tratta di prendersi cura dei poveri”: in alcune zone del Paese il 90% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno. “Il lavoro pastorale è altrettanto importante quanto il lavoro educativo, per riuscire a far uscire le persone dalla povertà”, ha commentato mons. Hauke.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo