Emirati Arabi Uniti: vicepresidente annuncia “Premio della tolleranza” al Papa e al Grande Imam

“Oggi celebriamo insieme la firma del ‘Documento sulla Fratellanza Umana’. Si tratta di un momento storico che enfatizza soprattutto l’importanza di coltivare un rispettoso dialogo e comprensione tra i seguaci non solo delle due religioni rappresentate qui oggi, ma tra tutte le persone, di tutte le fedi”. Lo ha detto lo sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, dando il benvenuto al Papa per l’incontro interreligioso sulla fratellanza umana, in corso al Founder’s Memorial di Abu Dhabi. “Gli Emirati Arabi Uniti – ha proseguito lo sceicco definendo il suo ‘un Paese contraddistinto da coesistenza pacifica, tolleranza e diversità’ – sono profondamente lieti di servire da pilastro portante e da palcoscenico per questo evento straordinario”. Il vicepresidente ha poi reso noto l’istituzione del “premio della Fratellanza Umana – da Dar Zayed”, il cui obiettivo è “onorare tutti coloro che lavorano senza sosta e con onestà per unire la gente”. “Oggi, gli Emirati Arabi Uniti hanno l’onore di conferire questo premio inaugurale a Sua Santità Papa Francesco e a Sua Eminenza Dr. al-Tayyib per gli sforzi esemplari e determinati volti a promuovere la pace tra i popoli di tutto il mondo”, ha annunciato lo sceicco: “Siamo convenuti in questa giornata storica per riaffermare, come Emirati Arabi Uniti, il nostro impegno solenne a portare alto il vessillo della fratellanza umana e a proteggerlo sempre. Giuriamo non solo di continuare a sostenere tutti gli sforzi fatti per rendere più pacifica la nostra regione ma di portare avanti ulteriormente questo impegno. Il nostro è un giuramento di fratellanza, tolleranza e dialogo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo