Papa negli Emirati Arabi Uniti: al Founder’s Memorial, “impegnarci per la dignità di tutti”

“Impegnarci per la dignità di tutti”, per evitare che la libertà religiosa sia minacciata. È la consegna del Papa, che nel discorso al Founder’s Memorial ha espresso “apprezzamento per l’impegno di questo Paese nel tollerare e garantire la libertà di culto, fronteggiando l’estremismo e l’odio”. “Così facendo, mentre si promuove la libertà fondamentale di professare il proprio credo, esigenza intrinseca alla realizzazione stessa dell’uomo, si vigila anche perché la religione non venga strumentalizzata e rischi, ammettendo violenza e terrorismo, di negare sé stessa”, la tesi di Francesco, secondo il quale la fratellanza “esprime anche la molteplicità e la differenza che esiste tra i fratelli, pur legati per nascita e aventi la stessa natura e la stessa dignità”, e “la pluralità religiosa ne è espressione”. “Il giusto atteggiamento non è né l’uniformità forzata, né il sincretismo conciliante”, ha precisato il Papa: “Quel che siamo chiamati a fare, da credenti, è impegnarci per la pari dignità di tutti, in nome del Misericordioso che ci ha creati e nel cui nome va cercata la composizione dei contrasti e la fraternità nella diversità”. “Non possiamo invocare Dio come Padre di tutti gli uomini, se ci rifiutiamo di comportarci da fratelli verso alcuni tra gli uomini che sono creati ad immagine di Dio”, ha ammonito Francesco ribadendo “la convinzione della Chiesa cattolica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo