Giornata contro spreco: Coldiretti/Ixè, “un italiano su tre chiede di portare via i resti del cibo al ristorante”

“Un italiano su tre quando esce dal ristorante porta a casa gli avanzi con la cosiddetta ‘doggy bag’, mentre una percentuale del 18% lo fa solo raramente”. È quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ sugli sprechi alimentari degli italiani in vista della ricorrenza della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, che ricorre il 5 febbraio. “Nel nostro Paese la situazione resta comunque molto lontana – nota la Coldiretti – rispetto ad altre nazioni partire dagli Stati Uniti dove la borsa con gli avanzi è nata addirittura negli anni ’40 per diventare ormai una prassi naturale e consolidata tra la popolazione che coinvolge addirittura i vip”. In Italia – precisa la Coldiretti – il 9% non chiede la ‘doggy bag’ perché “non è educato”, “volgare”, da “poveracci” e il 5% perché “si vergogna”. C’è peraltro un 28% di italiani, secondo la rilevazione, che non lascia alcun avanzo quando va a mangiare fuori. “Molti ristoranti si sono attrezzati e in un numero crescente di esercizi, per evitare imbarazzi, si chiede riservatamente al cliente se desidera portare a casa il cibo – segnala l’associazione – o anche le bottiglie di vino non finite e si mettono a disposizione confezioni o vaschette ad hoc”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo