Vertice di Hanoi: mons. Lazzaro You Heung-sik (Daejeon), “Trump e Kim non possono più tornare indietro”

“Mi dispiace. Mi aspettavo che i due leader potessero arrivare ad un accordo. Ma così non è stato. Seguendo, però, le notizie e, soprattutto, la conferenza stampa del presidente Trump, posso dire: c’è speranza. Sempre. Mai la speranza deve venire meno”. Così mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon (Corea), raggiunto telefonicamente dal Sir a conclusione del vertice di Hanoi. Il vescovo di Daejeon ha apprezzato il tono del presidente Usa: “Ha usato un linguaggio positivo in conferenza stampa. Non ha espresso alcuna condanna verso il suo interlocutore sottolineando piuttosto un clima d’incontro e condivisione che c’è stato. Il processo è lungo e richiede tempo, richiede sempre più dialogo. La speranza è sempre nel dialogo più che nei risultati”. Per il vescovo, “il canale del dialogo non si è interrotto ma continua. Fino ad oggi, attraverso il dialogo i due interlocutori si sono confrontati e capiti nelle loro rispettive posizioni e questo è un grandissimo risultato. Quando c’è dialogo, la speranza non muore. Il dialogo è sempre una esperienza positiva”. “Kim Jong-un e Donald Trump sono entrambi saliti in groppa ad una tigre. Se cadono – conclude mons. Lazzaro You Heung-sik -, si fanno molto male. Significa che il processo da loro avviato deve andare avanti in ogni caso e che indietro non possono più tornare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia