Sviluppo sostenibile: Conte, “siamo lontani dagli obiettivi, Italia molto frammentata”

“In Italia siamo lontani dagli obiettivi. È mancata una visione integrata, negli anni, delle politiche per lo sviluppo sostenibile. Una vera e propria regia per un’Italia equa e sostenibile che coinvolga i piani energetici e climatici, una riforma del sistema fiscale volta a favorire la transizione ecologica, maggiori e migliori investimenti in sanità e istruzione”. Lo ha affermato questa mattina il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati all’incontro “La politica italiana e l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. A che punto siamo?” promosso dall’Asvis (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) sulla Legge di bilancio. Il premier ha accennato ad “un’Italia molto frammentata” in cui “si notano molte differenze tra le zone più popolate e le aree interne del Paese a prescindere dalla collocazione territoriale”. “La sofferenza più diretta degli effetti della crisi – ha proseguito – è stata sperimentata dalle famiglie, che hanno visto un netto peggioramento del proprio tenore di vita che solo dall’anno scorso ha iniziato a riprendere terreno”. Per Conte, “il Reddito di cittadinanza” trova “profonda giustificazione sia alla luce della necessità di migliorare l’equità sociale che di rilanciare la crescita. I benefici che deriveranno da questa vera e propria rivoluzione del welfare non vanno visti solo dal punto di vista della riduzione della povertà passata ma anche come riduzione del rischio di cadere in povertà”. “Ma la tutela della qualità della vita non si può fermare esclusivamente alla questione del contrasto alla povertà”, ha aggiunto, riferendosi alla legge anticorruzione.
“Entro il 2025 – ha annunciato – l’Italia ha programmato di cessare la produzione elettrica con carbone, un processo che avverrà gradualmente; un obiettivo molto ambizioso che deve interessare tutto il territorio nazionale”. Una bozza è stata inviata in Europa e “ora si apre un’ampia consultazione pubblica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa