Incontro abusi in Vaticano: card. Sandri (Chiese orientali) “sostenere con la preghiera questo cammino di riforma e purificazione”

“Esiste la possibilità che colui che è chiamato a prendersi cura del gregge lo faccia cercando il proprio interesse o, ancora peggio, rapisca e faccia del male a coloro ai quali dovrebbe donare la vita sull’esempio di Cristo. Gesù infatti parla del ladro e del brigante e del lupo che rapisce e disperde le pecore”. Lo ha ricordato ieri il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, nella Divina Liturgia in rito copto celebrata ieri presso la cattedrale dell’Eparchia di Sohag, a Tahta, una delle tappe del suo viaggio in corso in Egitto. Commentando il passo del Vangelo del buon pastore e delle pecore, il prefetto ha ricordato che “queste parole sono risuonate in modo singolare a Roma nell’incontro convocato da Papa Francesco per porre rimedio alla piaga degli abusi nella Chiesa, che hanno ferito giovani vite in tutto il mondo privandole della loro innocenza”. “Sentiamoci chiamati a sostenere tutti con la preghiera questo cammino di riforma e purificazione, accanto a Papa Francesco, e rinnoviamo – ha ribadito il card. Sandri – la certezza che Dio guida la sua Chiesa e non la abbandonerà in balia delle onde che la vogliono squassare e della tempesta che talora sembra sorgere persino al suo interno. Dio rimane fedele a se stesso e al suo desiderio che abbiamo la vita vera in abbondanza e noi vogliamo vivere del suo dono e farcene portatori a tutti i fratelli e sorelle che incontriamo nel nostro cammino”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa