Diocesi: Cesena-Sarsina, presentati oggi i questionari del progetto di ascolto “Nuntius” per dare un voto all’impegno della Chiesa locale/1

Una Chiesa in uscita, aperta alle sollecitazioni di tutti e in attesa di ricevere un voto sul proprio operato. La diocesi di Cesena-Sarsina ha presentato oggi alla stampa i questionari del progetto “Nuntius”, seconda fase di un progetto di ascolto iniziato nel 2017.
“L’idea, nella mia mente, è nata durante il discorso di Papa Francesco al Convegno ecclesiale nazionale di Firenze, nel novembre 2015 – ha spiegato il vescovo di Cesena-Sarsina, mons. Douglas Regattieri – vera enciclica per la Chiesa italiana. La Chiesa è chiamata ad ascoltare tutto il gregge, non solo quanti frequentano le comunità parrocchiali. Di qui la volontà di un’iniziativa di sinodalità, un camminare insieme, un’opportunità, per chi non frequenta più, di dire la propria. Come Chiesa abbiamo già strutture per esprimere la coralità del laicato, ma sono tutte di ascolto interno. Per migliorare il nostro annuncio dobbiamo interpellare quelli che non sentiamo mai”.
Per farlo, la diocesi ha organizzato un gruppo di lavoro congiunto con il centro Luigi Ferrari di Modena. Tra il 2017 e il 2018 sono state condotte 21 interviste, mirate e approfondite, a persone individuate nelle 19 unità pastorali diocesane: giovani e anziani, donne e uomini, laici e sacerdoti.
Da lì è stato elaborato un report e strutturato un questionario di 22 domande, già disponibile online sul sito del settimanale diocesano “Corriere Cesenate”, che sarà diffuso in forma cartacea nelle parrocchie e nei luoghi di aggregazione dell’intero territorio diocesano.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa