Diocesi: Gaeta, Itri in festa tra celebrazioni e iniziative per giovani e malati

Quattro giornate di eventi accompagnano a Itri (Lt) la festa di San Gabriele dell’Addolorata, promossa dalla comunità dei passionisti da domenica e fino a domani, memoria liturgica del santo compatrono dei giovani. La figura di san Gabriele, religioso passionista morto a soli ventiquattro anni, è significativa per “quello che ha scritto e quello che ha fatto – afferma padre Antonio Rungi, delegato per la vita consacrata dell’arcidiocesi di Gaeta – Dal 1854 al 1861, ha scritto in tutto 41 lettere, di cui 5 quando era studente liceale a Spoleto e le altre da novizio o da studente passionista”. “Suggerisce in esse, senza fare alcuna predica, la sensibilità verso i poveri, la tenera devozione alla Madonna, la ricerca della volontà di Dio. Raccomanda, poi, di fuggire la superficialità e mondanità” prosegue il religioso. Il programma di questi giorni nella comunità di Itri prevede, tra l’altro, la consegna delle intenzioni di preghiera; una benedizione di studenti e personale scolastico; una messa con benedizione delle persone malate, prevista per oggi alle 17; una celebrazione dedicata a bambini e giovani, domani, a cui segue il bacio della reliquia del santo. “Nel corso del triduo saranno letti gli scritti del santo con i suoi pensieri spirituali” aggiunge padre Antonio Rungi, anche lui passionista, che a suo avviso rappresentano “la radiografia di un giovane e di un religioso del secolo XIX incamminato verso la santità” conclude.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori