Latte: Coldiretti, “bene pastori al Viminale dopo elezioni”

“Abbiamo la responsabilità di continuare a lavorare per chiudere la trattativa in modo giusto e restituire serenità ai pastori e alle loro famiglie, nonostante le evidenti criticità”. Lo ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, commentando positivamente l’annuncio di riconvocazione del tavolo sul prezzo del latte ovino al Viminale da parte del vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Non ci si può arrendere perché in gioco – conclude Prandini – ci sono 12mila allevamenti della Sardegna dove pascolano 2,6 milioni di pecore, il 40% di quelle allevate in Italia, che producono quasi 3 milioni di quintali di latte destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop)”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori