Papa Francesco: discorso conclusivo incontro abusi, “rafforzare e verificare le linee guida della Conferenze episcopali” e “accompagnare le persone abusate” / 7

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Rafforzare e verificare le linee guida delle Conferenze episcopali”, ossia “riaffermare l’esigenza dell’unità dei vescovi nell’applicazione di parametri che abbiano valore di norme e non solo di orientamenti”. È il quinto imperativo del discorso del Papa a conclusione del summit vaticano sulla pedofilia. “Nessun abuso deve mai essere coperto, così come era abitudine nel passato, e sottovalutato – ha ripetuto Francesco – in quanto la copertura degli abusi favorisce il dilagare del male e aggiunge un ulteriore livello di scandalo”. In particolare, per il Papa, occorre “sviluppare un nuovo approccio efficace per la prevenzione in tutte le istituzioni e gli ambienti delle attività ecclesiali”. “Accompagnare le persone abusate”, l’altra priorità: “il male che hanno vissuto lascia in loro delle ferite indelebili che si manifestano anche in rancori e tendenze all’autodistruzione. La Chiesa ha il dovere dunque di offrire loro tutto il sostegno necessario avvalendosi degli esperti in questo campo”. “Ascoltare”, cioè “perdere tempo” nell’ascolto, l’indicazione di Francesco: “L’ascolto guarisce il ferito, e guarisce anche noi stessi dall’egoismo, dalla distanza, dal ‘non tocca a me’, dall’atteggiamento del sacerdote e del levita nella parabola del Buon Samaritano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa