Centro studi scuola cattolica: Malizia (Ups), “ha fornito una descrizione scientifica dell’azione della scuola cattolica”

“È riuscito a fornire una descrizione scientificamente fondata della presenza e dell’azione della scuola cattolica italiana in relazione all’identità, al progetto educativo, alla consapevolezza ecclesiale, alle strutture e ai servizi”. Così Guglielmo Malizia, docente alla Università Pontificia Salesiana (Ups), sui vent’anni del Centro studi per la scuola cattolica (Cssc) della Cei, intervenendo stamani al seminario “C’è ancora bisogno della scuola?”, organizzato dallo stesso Centro studi, a Roma. Spiegando che le attività del Cssc si distribuiscono in due settori principali – ricerca e formazione -, Malizia ha sottolineato l’importanza dei suoi rapporti annuali sulla scuola cattolica in Italia. A suo avviso, il Centro studi “non si è limitato a fornire analisi corrette, ma ha anche offerto interpretazioni argomentate delle potenzialità e delle criticità esistenti e non ha mancato di delineare proprie proposte di soluzione dei vari nodi problematici affrontati”. Un impegno particolare è stato dedicato alla “definizione della qualità non solo sul piano teorico, ma anche su quello operativo, cercando di radicare nella prassi delle scuole cattoliche una cultura di base adeguata”. Guardando al “piano dell’informazione e della documentazione”, Malizia ha evidenziato, inoltre, che il Centro “è riuscito a garantire un flusso di dati più regolare e ampio che non nel passato e alla fine è riuscito a raggiungere l’universo delle strutture”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa