+++ Venezuela: appello dei vescovi, “far entrare gli aiuti umanitari è un dovere morale” +++

“Si ascolti il grido del popolo e si lascino entrare e distribuire in pace gli aiuti umanitari”: è il forte appello, rivolto al governo di Nicolas Maduro, lanciato poco fa in conferenza stampa a Caracas dai vescovi del Venezuela, tra cui il cardinale Baltazar Porras, arcivescovo di Mérida e amministratore apostolico di Caracas. “Il Paese ha bisogno di aiuti umanitari. Il regime ha l’obbligo di affrontare i bisogni della popolazione e al fine di facilitarne l’ingresso e la distribuzione, evitando ogni tipo di violenza repressiva”, affermano in una nota firmata da mons. José Luis Azuaje Ayala, arcivescovo di Maracaibo e presidente della Conferenza episcopale venezuelana, dai due vicepresidenti mons. Mario Moronta Rodríguez, vescovo di San Cristóbal, e mons. Raúl Biord Castillo, vescovo di La Guaira e dal segretario generale mons. José Trinidad Fernández Angulo, vescovo ausiliare di Caracas. “Chiedere e ricevere aiuto non è tradimento della patria”, precisano, riferendosi al fatto che la richiesta di aiuti umanitari alla comunità internazionale è stata inoltrata dall’Assemblea nazionale e dal presidente autoproclamato ad interim Juan Guaidò. Secondo i vescovi “è un dovere morale che riguarda tutti noi”, per fare fronte alle carenze di cibo e farmaci “e alle drammatiche emergenze subite dal popolo venezuelano”. La Conferenza episcopale reitera anche l’appello alle forze armate “perché si mettano a fianco del popolo a cui appartengono” e “secondo coscienza, non obbediscano ad ordini che vanno contro la vita e la sicurezza della popolazione”. In questa occasione, puntualizzano, “permettano l’ingresso e la distribuzione degli aiuti internazionali”. La Caritas del Venezuela, come già fa da tempo aiutando la popolazione, si mette a disposizione con la sua esperienza e umanità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo