Volontariato: Caritas Como-Lugano, domenica incontro sulla solidarietà che attraversa i confini

“La solidarietà attraversa i confini” è questo il titolo della giornata d’incontro tra le diocesi di Como e Lugano che si svolgerà domenica 24 febbraio. L’incontro, fortemente voluto dai due vescovi, è organizzato dalla Caritas di Como in collaborazione con Caritas Ticino e nasce da un dato significativo: sono decine i volontari che dal Canton Ticino espatriano nel capoluogo lariano, a supporto di attività a favore di soggetti fragili. “I nostri vescovi – spiega il direttore di Caritas Como, Roberto Bernasconi – ci hanno chiesto di pensare a un’iniziativa per valorizzare e ringraziare chi si mette a servizio degli altri e, al tempo stesso, fosse di testimonianza per tutti”. Da qui ha preso forma il progetto “La solidarietà attraversa i confini – Storie di volontariato fra Como e Ticino”.
La prima parte del pomeriggio del 24 febbraio si svolgerà presso la basilica di San Fedele a Como, a partire dalle ore 15. Il programma prevede, dopo i saluti istituzionali dei due vescovi, mons. Oscar Cantoni e mons. Valerio Lazzeri, e dei due direttori Caritas, Roberto Bernasconi (Como) e Marco Fantoni (Ticino), un’introduzione storica a cura di mons. Saverio Xeres e un inquadramento su importanza e attualità del volontariato affidata a Dante Balbo di Caritas Ticino. Seguiranno quattro testimonianze di volontari. Al termine si raggiungerà insieme la cattedrale, dove alle ore 17, mons. Oscar Cantoni e mons. Valerio Lazzeri concelebreranno la messa. Le offerte raccolte durante la celebrazione saranno destinate a un progetto educativo in Sud Sudan sostenuto da Caritas Como e Caritas Ticino. “Como e Lugano – osservano i direttori Fantoni e Bernasconi – sono Chiese sorelle. I temi di confronto sono molteplici e si inseriscono in un dialogo sincero e responsabile con tutti… Possiamo condividere esperienze e confrontarci su molti argomenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori