Vescovi olandesi e fiamminghi: a confronto su rinnovamento della parrocchia e dei metodi di evangelizzazione

Come ormai consuetudine annuale, i vescovi dei Paesi Bassi e i vescovi del Belgio fiammingo si sono riuniti ieri, martedì 19 febbraio, a Mechelen, accolti dal cardinale di Mechel-Bruxelles Jozef De Kesel. Un comunicato ufficiale riferisce che nel corso della riunione sono stati discussi “argomenti importanti e di interesse per entrambe le Conferenze episcopali, come il luogo e l’importanza dell’Eucaristia nella vita della Chiesa, di nuovi metodi di evangelizzazione (come le esperienze Rebuilt, Devine renovation e Alpha) e di rinnovamento della parrocchia”. Facendo seguito al tema affrontato in una precedente riunione in cui i vescovi olandesi avevano riferito circa “il ruolo delle chiese nella riduzione della povertà nei Paesi Bassi”, i vescovi belgi ieri hanno presentato una relazione e dati che mostrano “l’importanza della Chiesa nella società in molti ambiti, come la lotta alla povertà e l’accoglienza dei rifugiati”. Tema di confronto è stato anche la vita delle parrocchie, “in una Chiesa che cambia, con un numero di fedeli tendenzialmente in calo e troppi edifici, a fronte di comunità di immigrati e giovani che crescono nelle grandi città”. Si è discusso anche dell’introduzione del regolamento generale sulla protezione dei dati (Avg) e le sue conseguenze per le parrocchie.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori