Papa Francesco: a delegazione Principato di Monaco, “promuovere la politica della pace”

“Per ripensare il nostro destino comune e costruirlo, dobbiamo essere consapevoli della nostra responsabilità e intraprendere la via della pace con sé stessi, della pace con gli altri e della pace col creato. Questa è la politica della pace che vi invito a promuovere”. Lo ha detto Papa Francesco stamani nel suo discorso a una delegazione del Consiglio nazionale del Principato di Monaco, ricevuta stamani in udienza in Vaticano. Richiamando il suo messaggio per la 52ª Giornata mondiale della Pace, il pontefice ha rivolto “l’attenzione sulla necessità di una buona politica”, che è “la delicata missione alla quale vi incoraggio, quella di lavorare insieme, senza sosta, per il bene comune”. “Possiate sempre – è l’augurio del Papa – avere a cuore la promozione di un futuro per ogni cittadino, nel rispetto fondamentale dei valori che sono la dignità delle persone e di ogni vita umana, come pure nel rispetto delle istituzioni del Principato”. L’auspicio di Francesco è che, “al di là dell’aiuto concreto e necessario che viene portato, ogni iniziativa sia come un lievito di speranza, per generare un atteggiamento di fiducia nel futuro e nell’altro”. In “un tempo di sfiducia crescente e di egoismo, a volte persino di rifiuto”, l’incoraggiamento del Papa è a “tessere legami tra le persone e i Paesi”, “affinché cresca in ognuno il sentimento gioioso della propria responsabilità in quanto abitante del mondo, cittadino e attore del futuro”. In quest’ottica – ha ricordato il Papa – “il volontariato internazionale per giovani diplomatici e il partenariato con organismi di solidarietà sono strumenti preziosi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori