Diocesi: Velletri, ad Artena un incontro sull’esperienza della perdita di un figlio

“Il Signore è vicino a chi ha il cuore ferito”: il versetto del Salmo 34 fa da guida a un appuntamento promosso dalla Pastorale famigliare della diocesi di Velletri-Segni, in programma sabato 2 febbraio alle 18 al Palazzaccio di Artena (Rm) e rivolto alle famiglie che vivono l’esperienza della perdita di un figlio. Don Christian Medos è codirettore dell’Ufficio famiglia diocesano: “Alla vigilia della Giornata della vita, ci chiediamo se come Chiesa riusciamo a dire qualcosa a chi è stato ferito nella propria vita, generatività e speranza di futuro, ponendo al centro la dimensione escatologica per parlare di fede – riferisce al Sir – Inoltre, nel giorno della Candelora, riflettiamo su Maria e Giuseppe, che restituiscono il figlio nella mani del Padre, lo stesso Padre che  si prende cura dei figli che non ci sono più”. Ospiti dell’iniziativa, che sarà preceduta dalla messa nella chiesa del Rosario, sono don Francesco Fiorillo dell’arcidiocesi di Gaeta e alcuni genitori del gruppo “Nain”, che nella Fraternità di San Magno a Fondi (Lt) vivono l’esperienza dell’auto aiuto attraverso l’incontro reciproco. “La Chiesa è luogo per festeggiare, ma anche per stare affianco a chi è ferito, come propone Papa Francesco – prosegue don Medos –. Vogliamo camminare con loro senza risposte preconfezionate, mettendoci in ascolto di altre esperienze e chiedendoci con loro se è opportuno iniziare un percorso insieme, per parlare della propria sofferenza e in cui ci sia spazio anche per la speranza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori