Diocesi: Foggia, il 13 febbraio l’apertura del processo di beatificazione di mons. Nardella

Con decreto dell’arcivescovo di Foggia-Bovino, mons. Vincenzo Pelvi, si insedierà ufficialmente il Tribunale ecclesiastico diocesano per l’inizio del processo di canonizzazione e beatificazione del Servo di Dio, mons. Matteo Nardella. La prima seduta pubblica del Tribunale, per l’accettazione e il giuramento dei suoi membri (don Pietro Giacobbe, giudice delegato; don Matteo Ferro, promotore di giustizia; Michele Totaro, notaio attuario; Marco Mossuto, notaio aggiunto) e del postulatore (don Gabriele Teti), avverrà alla presenza dell’arcivescovo, il 13 febbraio, alle 16, nella chiesa di San Bernardino in San Marco in Lamis (Foggia). È il giorno in cui ricorre il 43° anniversario della morte del Servo di Dio. A seguire si svolgerà la solenne celebrazione eucaristica. Tra le principali missioni di mons. Matteo Nardella, la cura per la formazione dei giovani. È stato consulente ecclesiastico del Cif, assistente della gioventù femminile foraniale di Azione cattolica; ispettore per l’insegnamento della religione nelle scuole elementari di San Marco in Lamis, assistente promotore delle vocazioni ecclesiastiche, assistente della Comunità Braccianti e membro dell’Opera Pia “Gravina”. Nel 1972 è nominato monsignore e Cappellano di Sua Santità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori