Diocesi: Anagni, a Piglio la festa del copatrono beato Andrea Conti con il vescovo mons. Loppa

Si è celebrata ieri la memoria liturgica del beato Andrea Conti, frate minore francescano vissuto fra XIII e XIV secolo. Nato ad Anagni (Fr), ha trascorso la gran parte della vita nell’eremitaggio del Piglio (Fr), dove è ricordato per la sua attività come esorcista. Lì riposano le sue spoglie, nel convento francescano di San Lorenzo. “Copatrono del paese, ha compiuto miracoli in vita e dopo la morte, anche se sono trascorsi quattrocento anni prima della beatificazione – racconta al Sir Giorgio Pacetti, cultore di storia locale –. Nel 2007, proprio nei giorni prossimi alla festa del beato, un masso di grandi dimensioni si è staccato dalla montagna sopra Piglio e avrebbe colpito molte persone in paese se non si fosse bloccato impattando con un furgone. Molti hanno visto in quell’evento un fatto prodigioso”. Una messa presieduta dal vescovo di Anagni-Alatri, mons. Lorenzo Loppa, sinè tenuta venerdì mattina nel convento di San Lorenzo. A seguire una visita alla mostra storico-agiografica-iconografica dedicata al beato Conti e allestita sempre all’interno del convento. “L’esposizione mette in rilievo documenti d’archivio che testimoniano la costante devozione al beato Andrea Conti lungo i secoli – aggiunge Pacetti – e vuole essere anche un appello a quanti, studiosi e devoti, vogliano contribuire offrendo tracce di ricordi legati alla sua figura attraverso opere letterarie, pittoriche, scultoree, devozionali, folcloristiche”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori