This content is available in English

Elezioni europee: Parlamento Ue, rivoluzione digitale, informazione e politica. La minaccia delle fake news

(Bruxelles) Durante la tavola rotonda di oggi al Parlamento europeo a Bruxelles si discuterà anche della recente normativa sul copyright on line. “L’accordo raggiunto la scorsa settimana tra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue definisce un quadro di regole moderno ed equo per la tutela dei diritti d’autore, mettendo fine all’attuale far-west digitale”, precisa un comunicato. “Sarà garantita una giusta remunerazione a creatori, autori, scrittori e a tutti gli artisti, dai musicisti ai commediografi, dai designer agli stilisti. Anche ai giornalisti verrà garantito un equo compenso per il loro lavoro, salvaguardando così libertà, indipendenza e qualità dei media”. Secondo Antonio Tajani, “il coinvolgimento dell’elettorato è alla base della democrazia. Per poter partecipare attivamente al dibattito politico, i cittadini devono disporre di informazioni complete e accurate. Le emittenti radiotelevisive sono fondamentali. Da una parte contribuiscono a formare l’opinione pubblica, ad esempio dando notizia dei diversi partiti, dei programmi politici e dei candidati. Dall’altra hanno un ruolo chiave nella lotta alla disinformazione, specie in un’era in cui l’industria dei media è sempre più digitalizzata e multi-piattaforma”.
La tavola rotonda di oggi (ore 15-18) prevede una introduzione di Tajani, l’intervento di Mariya Gabriel, commissario europeo per economia e società digitali. Quindi uno scambio di vedute sulle “minacce e le opportunità della digitalizzazione per l’industria europea dei media, in particolare i media audiovisivi”. Poi un secondo confronto sulle “misure necessarie per proteggere le prossime elezioni europei dai fenomeni quali fake news e disinformazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo