Roghi rifiuti: Costa (ministro), a tre mesi dal piano d’azione è “presto per fare un bilancio ma assistiamo a una diminuzione”

“È presto per fare un bilancio ma assistiamo a una diminuzione del numero e dell’entità dei roghi e a un aumento delle attività di controllo e degli arresti”. Lo ha detto oggi il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, a margine della riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è svolta oggi a Napoli e Caserta. Un’occasione di verifica e aggiornamento sul piano d’azione per il contrasto dei roghi di rifiuti, sottoscritto a Caserta lo scorso 19 novembre. A tre mesi dal piano d’azione i roghi sono passati da 24,6 al mese (novembre, dicembre e gennaio 2017/2018 quindi l’anno scorso) a 17 (negli stessi mesi ma dopo la firma del Piano) e sono roghi di minore entità con tempi di spegnimento più brevi. Nell’occasione, il ministro ha anche presentato le “Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi (http://ow.ly/tCuF30nJXCE)”, per “operare il meglio possibile sul fronte della prevenzione di un fenomeno che interessa purtroppo non solo la ‘terra dei fuochi’ ma il Paese intero”. “Si tratta – ha spiegato Costa – di linee guida chiare, uno strumento operativo di prevenzione condiviso con le amministrazioni regionali e le agenzie ambientali a fine gennaio e già implementato nella ‘terra dei fuochi’, con criteri operativi e gestionali sullo stoccaggio dei rifiuti”. “Un’azione di controllo mirata, estesa anche all’abbandono di rifiuti e alle attività di gestione di rifiuti non autorizzate, che sta già dando i suoi frutti”, ha concluso il ministro dell’Ambiente.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo