Diocesi: Genova, riprende il percorso di formazione politica. Don Moretti, “abbiamo bisogno di uomini e donne di buona volontà”

“Per governare il secondo Paese manifatturiero d’Europa non basta essere giovani. Bisogna invece essere competenti, onesti e aver maturato ottime esperienze. Abbiamo bisogno di uomini e donne di buona volontà che pensino di restituire qualcosa, rispetto ai doni ricevuti. Vi aspettiamo lunedì prossimo”. È l’invito che don Massimiliano Moretti – parroco genovese, cappellano del lavoro e responsabile del Percorso di formazione politica organizzato dalla diocesi di Genova – rivolge alle persone che lo seguono sui social network. “Il 18 febbraio – aggiunge – riprende, infatti, il percorso di formazione socio-politica alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa”. Come cristiani, “pensiamo sia un dovere, oltre che un diritto, che i battezzati partecipino con le proprie capacità ed energie, a migliorare la società attraverso scelte concrete mirate ad affermare il bene comune”. Il percorso è iniziato 3 anni fa per iniziativa del cardinale Angelo Bagnasco. È giunto al terzo anno e, fino ad ora, vi hanno partecipato circa 200 persone. Di queste, 12 sono state elette nei municipi, in diversi schieramenti politici, e 2 nel consiglio comunale di Genova. “I cristiani – sottolinea ancora il sacerdote genovese – non devono restare passivi di fronte ai cambiamenti in atto, ma anzi, devono contribuire, insieme a tutti gli uomini di buona volontà, a dare un volto umano alla vita pubblica e sociale”. “Siamo sicuri – ha concluso – che ognuno di noi possa fare molto per contribuire a rendere migliore la nostra città e il nostro Paese e che, come diceva Paolo VI, la politica è la forma più alta della carità e Dio ce ne renderà merito”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo