Malati cronici: Ricciardi (Osservasalute), “approccio sistemico in assistenza e cambio di passo in politiche prevenzione”

“Il quadro che si sta prospettando impone, oltre che un nuovo approccio sistemico per l’assistenza ai malati cronici, un cambio di passo delle politiche di prevenzione poiché la sostenibilità della salute dei prossimi anni si gioca sulla capacità di resilienza con azioni proattive delle Istituzioni e dei cittadini in termini di promozione di stili di vita salutari e di prevenzione di secondo livello”. A sostenerlo è Walter Ricciardi, ordinario di igiene all’Università Cattolica e direttore dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane che oggi ha pubblicato sul sito www.osservatoriosullasalute.it un report sulla cronicità nel nostro Paese. Intanto, di fronte all’allarmante prospettiva di un aumento della domanda di salute, “il Ssn sta ponendo le basi per attuare un cambiamento indirizzato a una appropriata ed equa gestione della cronicità, così come dichiarato nel Piano nazionale della cronicità”, si legge nel report.
Il Piano propone nuovi modelli organizzativi centrati sulle cure territoriali e domiciliari, integrate, delegando all’assistenza ospedaliera la gestione dei casi acuti/complessi non gestibili dagli operatori sanitari delle cure primarie. La “presa in carico” del cittadino dovrebbe avvenire sulla base dei Percorsi diagnostico terapeutici assistenziali delineati per ogni patologia, sempre tenendo in considerazione le peculiarità di ogni singolo paziente. Secondo Osservasalute, questo approccio dovrebbe avere “l’obiettivo di offrire ad ogni paziente le cure appropriate al momento giusto e nel luogo giusto, ricevendo l’assistenza di operatori sanitari che, per ruolo e competenze, possono prenderlo in cura affrontando e risolvendo i problemi di salute con un approccio sistemico e multidimensionale”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo