Corte dei Conti: il Paese non ha infrastrutture adeguate, occorrono più investimenti

“Il nostro Paese non dispone di un patrimonio infrastrutturale adeguato al suo sistema economico e produttivo. Si tratta di una realtà incontrovertibile che incide negativamente anche sulla qualità della vita dei cittadini: i trasporti, la viabilità, le reti di comunicazione, i sistemi portuali, la raccolta e la valorizzazione reddituale dei rifiuti, la sicurezza del lavoro, la manutenzione idrogeologica del territorio sono questi alcuni dei principali settori di sofferenza”. Lo ha sottolineato il procuratore generale della Corte dei Conti, Alberto Avoli, nel suo intervento in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario.
“La mancanza di congrui investimenti al riguardo – ha aggiunto Avoli – rischia di accrescere ulteriormente il gap economico e produttivo con gli altri Paesi, non solo facendo perdere competitività all’Italia ma determinando anche un peggioramento delle condizioni sociali delle comunità. In ogni caso si perdono occasioni importanti per potenziare quella ricchezza nazionale che è fondamentale per recuperare il disavanzo dei bilanci pubblici senza ricorrere all’aumento della pressione fiscale ovvero all’incremento del debito o ancora a misure straordinarie di prelievo”. “I recenti assetti di bilancio – ha rilevato il procuratore della Corte dei Conti – sembrano andare verso una politica riduttiva degli investimenti. È auspicabile che si tratti di un ridimensionamento solo temporaneo, giustificato in qualche modo dalla necessità di rimodulare le priorità e di definire nuovi modelli procedurali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo