This content is available in English

Aborto: card. Dolan su legge New York, norma “agghiacciante”. Soppressa anche l’obiezione di coscienza

(da New York) È polemica aperta tra il cardinale di New York, Timothy Dolan, e il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, dopo l’approvazione di una legge statale che consente l’aborto fino al momento della nascita. Il cardinal Dolan ha scritto una lettera aperta ai fedeli su invito dei sacerdoti e domenica scorsa, in tutte le chiese, la nota pastorale è stata letta a conclusione di ogni messa. Dolan definisce la norma “agghiacciante”, poiché elima qualunque accusa verso chi assiste alla morte di “un bimbo abortito sopravvissuto alle forbici, al bisturi, alla soluzione salina e allo smembramento” senza intervenire. La legge sopprime anche l’obiezione di coscienza per quegli operatori sanitari che si rifiutano di assistere a questa “macabra procedura”. “Sono un pastore, non un politico – ha precisato Dolan nella lettera – ma come pastore, sono obbligato a sfidare i nostri leader politici, a spronarli a riesaminare le loro priorità e a rispettare e proteggere il bambino non nato nel grembo materno con la stessa forza e passione riservata agli immigrati privi di documenti, alla madre single che si occupa della famiglia, ai nonni morenti o ai poveri che lottano per farcela”. Cuomo, da parte sua, ha risposto con una lunga intervista al New York Times dove ha spiegato il suo supporto alla legge e ha identificato la posizione di Dolan come appartenente alla “destra religiosa”. Il cardinale sul suo blog ha invitato il governatore, che spesso si è definito cattolico a riconsiderare le sue dichiarazioni perché “ridurre la difesa dei diritti umani del neonato prematuro a una ‘questione cattolica’, è un insulto agli esponenti delle tante religioni, alleati” di questa battaglia, ma anche alla Costituzione e alla biologia. Ha poi aggiunto: “Il governatore non mi considera di destra quando chiede il mio aiuto sull’aumento del salario minimo, sulla riforma carceraria, sulla protezione dei lavoratori migranti, sull’accoglienza dei rifugiati e la difesa dei programmi universitari per i detenuti. In quei casi penso di aver fatto parte della sinistra ‘religiosa’”. Dolan continua precisando che la sua non è un’ingerenza perché la fede “è un fatto personale e non un affare privato come ha mostrato Martin Luther King, un pastore che si è battuto per i diritti civili della sua gente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa