Rapporto Caritas: don Piccinonna (Bari), “manca fiducia nel futuro”

cof

“C’è evidentemente una crisi della fiducia nel futuro. In questo modo oggi la povertà educativa porta ad un aumento esponenziale della povertà economica”. È questo il breve riassunto di don Vito Piccinonna, direttore della Caritas di Bari-Bitonto, su uno degli aspetti emersi dal rapporto Caritas 2018 sulle povertà in Italia, presentato questa sera a Bari nel quartiere Carbonara, periferia della città e oggetto di studio del documento insieme ad altri due quartieri difficili del centro e nord Italia. “Caritas – afferma don Piccinonna – aveva chiesto di fotografare le periferie di tre grandi città, una al nord, una al centro e una al sud. Abbiamo pensato a Carbonara che è una realtà vivace da alcuni punti di vista ma scottante da altri e da molto tempo nell’anonimato delle questioni cittadine”. Anonimato che si riflette sulle prospettive dei residenti: “Il rapporto Caritas – prosegue – è stato incentrato sulla povertà educativa e Carbonara purtroppo ha diversi problemi sotto questo aspetto. Emerge il fatto che con il diminuire della quota didattica e formativa aumenta la dimensione della povertà. C’è una vera questione sulle aspettative dei genitori verso i figli. Fino ad un certo tempo genitori in situazioni di povertà erano orgogliosi del buon andamento scolastico dei propri figli. Oggigiorno non è così. Molte volte i genitori non stimolano la dimensione educativa e scolastica dei propri figli perché la ritengono inutile. Manca una prospettiva del futuro e il compito delle Istituzioni e della comunità cristiana è quello di sostenere il compito formativo dei genitori, un rilancio del futuro che passa anche attraverso la presa in carico della dimensione formativa e didattica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori