Diocesi: Jesi, i Carabinieri restituiscono alla biblioteca diocesana tre volumi del 1700 che erano stati rubati

Tre volumi del Settecento, che erano stati rubati, stanno per fare ritorno nella biblioteca diocesana “Pier Matteo Petrucci” di Jesi. La consegna avverrà domani mattina, alla presenza del vescovo mons. Gerardo Rocconi, del sindaco di Jesi, Massimo Bacci, del maggiore Giampaolo Brasili, comandante del Nucleo  tutela patrimonio culturale (Tpc) di Napoli, e del comandante dei Carabinieri di Jesi, Simone Vergari. A recuperare i volumi sono stati i carabinieri del Tpc di Napoli. In una complessa indagine coordinata dalla Procura di Isernia, gli uomini dell’Arma sono riusciti a smantellare un’organizzazione criminale, vero e proprio crocevia di ricettazione di beni d’arte rubati da luoghi di culto, istituti religiosi e biblioteche, tra l’alto casertano e la provincia di Isernia. Importante, per l’individuazione e il riconoscimento dei beni sottratti, la banca dati dei beni culturali sottratti illecitamente, gestita dal Comando carabinieri Tpc. Sempre domani mattina saranno riconsegnati a Luciano Genga, responsabile della Biblioteca del convento “Santissimo Crocifisso” di Treia (Mc) due volumi della “Storia della Chiesa” rubati dalla stessa biblioteca in epoca imprecisata e ritrovati dagli uomini dell’Arma.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori