Migranti: Oxfam Italia, “sia revocato l’accordo con le autorità libiche”. “Salvati in mare non vengano riportati nell’inferno della Libia”

(Foto: Oxfam Italia)

“Chiediamo con forza all’Italia di revocare l’accordo con le autorità libiche, in accordo con l’Ue e altri Paesi europei”. È l’appello lanciato oggi da Paolo Pezzati, policy advisor per la crisi migratoria di Oxfam Italia, ong che con Borderline Sicilia diffonde il rapporto “Accordo Italia-Libia: scacco ai diritti umani in 4 mosse”. “Oggi – prosegue – assieme a 50 organizzazioni abbiamo inviato una lettera aperta ai Governi degli Stati membri, con la richiesta di impedire che i migranti salvati in mare vengano riportati nell’inferno della Libia”. “Allo stesso tempo, facciamo appello all’Italia affinché interrompa la politica dei porti chiusi e al contrario si faccia promotrice a livello europeo di una nuova missione salvataggio nel Mediterraneo”, aggiunge Pezzati. “All’Unione europea – conclude – chiediamo di fare tutti gli sforzi diplomatici possibili, affinché gli stati membri approvino nel Consiglio europeo la Riforma del trattato di Dublino come votata dal Parlamento europeo, con la previsione di una redistribuzione automatica dei richiedenti asilo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa