Gmg 2019: card. Osoro (Madrid), “non dimenticare quanto successo a Panama”

“Non dimenticate quello che è avvenuto a Panama!”. Questa l’esortazione dell’arcivescovo di Madrid, il card. Carlos Osoro, che nella sua lettera settimanale ai fedeli torna sull’esperienza appena vissuta alla Gmg con un gruppo di giovani dell’arcidiocesi. “Sono stati giorni intensi – scrive il porporato – caratterizzati dall’ospitalità, dalla chiamata della Vergine Maria a essere discepoli missionari e dall’incontro con Papa Francesco”.
I panamensi, fa notare il card. Osoro, “hanno ricevuto i giovani senza conoscerli, hanno aperto loro le porte delle proprie case e del proprio cuore”, così che ciascun partecipante “si è sentito accolto insieme a Gesù Cristo”.
Importante, sottolinea ancora l’arcivescovo, la dimensione mariana di questa Gmg. I partecipanti hanno percepito l’invito della Vergine a essere, come lei, “discepoli missionari”, servitori di tutti gli uomini, “specialmente dei più bisognosi”. Un ruolo centrale ha avuto poi l’incontro con il successore di Pietro. Papa Francesco ha ricordato che “l’educazione, il lavoro, la famiglia e la comunità sono ambiti strutturali che ci mantengono vivi e ci fanno donare la vita agli altri”.
Scrive ancora il card. Osoro: “L’unità che si è manifestata a Panama tra tutti i giovani del mondo si sostiene nella sicurezza che siamo stati amati e lo siamo sempre con un Amore profondo e commovente. Che forza ha avuto quella domanda che ha rivolto Papa Francesco! Credete in questo amore? Credete in questo amore che ha il nome e il volto di Gesù Cristo? Se rispondiamo di sì, saremo capaci di abbracciare tutti gli uomini, di spegnere le paure e di vivere con radici forti che ci facciano generare futuro, ora”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa